Blog | Rassegna Stampa

Costruire l’identità personale: fatiche e possibilità delle nuove Generazioni

Costruire l’identità personale: fatiche e possibilità delle nuove Generazioni

L ’Accademia Cattolica di Brescia ha intrapreso quest’anno un percorso su un tema molto complesso quanto attuale, l’identità, tenendo fermo l’approccio multidisciplinare indispensabile per tracciare almeno le sue linee principali. Anche in questa occasione la nostra Associazione Ariele Psicoterapia, che oggi presiedo, è stata onorata dall’invito a “pensare insieme”.

+ leggi tutto

L’identità nascosta, la malattia come velo

L’identità nascosta, la malattia come velo

La malattia è una cartina di tornasole della nostra identità. Contribuisce allo svelamento di noi, ma soprattutto della nostra vita. A turno ci interpella tutti. Perché la malattia, banale o crudele, capita a tutti di incontrarla. E dunque è una componente ineludibile della nostra formazione umana, di ciò che siamo, una esperienza - riferimento della nostra biografia. Ci fa scoprire solitudini e rapporti interpersonali, rassegnazione e reazione, sopportazione e fiducia, diffidenza e consapevolezza.

+ leggi tutto

Soli di fronte alla morte?

Soli di fronte alla morte?

Tutto ridotto in polvere? In queste settimane ha sconvolto tutti l’abbandono del malato in solitudine. I parenti, prima dell’ingresso nel triage, lo salutavano senza sapere se l’avrebbero più rivisto. Quello entrava e, dopo qualche ora o qualche giorno, usciva una bara, talvolta destinata a un crematorio lontano centinaia di chilometri. Nessuna possibilità di accompagnamento al passaggio finale se non quella del personale sanitario, sopraffatto dal lavoro estenuante e dai sentimenti più contrastanti. Dopo qualche giorno, tornava una piccola urna di cenere: lì era ridotta tutta una storia di affetti e di progetti, di speranze e di illusioni?

+ leggi tutto

Europa e il mondo nei tempi del coronavirus e dopo

Europa e il mondo nei tempi del coronavirus e dopo

L'umanità affronta una crisi globale. Forse la più grande crisi della nostra generazione. Le decisioni che la gente e i governi stanno prendendo ora probabilmente cambieranno drasticamente il mondo nei prossimi anni. Esse riformeranno non solo i nostri sistemi sanitari, ma anche la nostra economia, politica e cultura. Dobbiamo agire in modo rapido e deciso, tenendo contemporaneamente conto delle conseguenze a lungo termine delle nostre azioni. Quando si sceglie tra le alternative, non dovremmo solo chiederci come possiamo superare la minaccia immediata, ma anche che tipo di mondo abiteremo una volta terminata la tempesta. La tempesta passerà, l'umanità sopravviverà, ma abiteremo un altro mondo.

+ leggi tutto

SFIDE E INTERROGATIVI AL TEMPO DEL CORONAVIRUS: PERCHÉ DIO CI LASCIA SOFFRIRE?

SFIDE E INTERROGATIVI AL TEMPO DEL CORONAVIRUS: PERCHÉ DIO CI LASCIA SOFFRIRE?

  1. Il luogo della domanda

Di fronte ad alcune situazioni particolarmente drammatiche sorge l’interrogativo, soprattutto per il credente, “perché Dio ci fa o ci lascia soffrire?”. Non si tratta di un problema teoretico. È piuttosto un problema che nasce in un contesto di fede, che implica una conoscenza di Dio: se Dio è Padre, ed è il Dio della vita, perché ci lascia soffrire? In tal senso la domanda non nasce in chi si dichiara ateo. Va messo in conto che l’ateismo può nascere o trovare conferma nella sofferenza innocente[1].

+ leggi tutto

Pensare il dopo – Prof. Enrico Minelli

Pensare il dopo – Prof. Enrico Minelli

Pensare il dopo. Lo dovremo fare tutti, teologi, filosofi, artisti, scienziati, politici, lavoratori, imprenditori, cittadini…

+ leggi tutto

Le video-pillole della CCDC: “Interrogativi e sfide ai tempi del Coronavirus”: si inizia sabato, ore 18

Le video-pillole della CCDC: “Interrogativi e sfide ai tempi del Coronavirus”: si inizia sabato, ore 18

Che cosa sta accadendo? Che cosa ci sta succedendo? Quale ne è, se c’è, il senso ultimo e la direzione profonda? Che cosa possiamo apprendere dagli avvenimenti di queste ultime, terribili settimane? Come si devono ripensare la politica, non solo a livello statuale, e l’economia globale di fronte alla crisi in atto? Che cosa possono dire in proposito la cultura e la sua sorgente spirituale di fronte alle nostre sperimentate fragilità e a tutte le strategie messe in campo per fronteggiarle?

+ leggi tutto

Saper stare di fronte al mistero/Mistero

Saper stare di fronte al mistero/Mistero

Nel museo civico di Breno (Provincia di Brescia) è conservata una tavoletta di ardesia sulla quale è raffigurato un giovane che fugge davanti alla morte rappresentata in piedi su un carro trainato da un cavallo nero. Il giovane è rivolto verso la morte, le braccia alzate quasi a difendersi, il volto terrorizzato, ma non si accorge che alle sue spalle si staglia una parete rocciosa, che gli impedirà la fuga. Ineluttabilità della morte, richiamata dalle molte danze macabre che nei territori vicino a Brescia (Clusone, Pinzolo) sono ancora ben visibili. L’immagine di Breno non si sofferma però sull’universalità della morte, bensì sull’inutile fuga di fronte a essa.

+ leggi tutto

La politica della paura. Dialogo con Michele Nicoletti

La politica della paura. Dialogo con Michele Nicoletti

Un importante politologo tedesco Franz Neumann (1889-1954) – emigrato negli Stati Uniti per sfuggire al Nazismo – scrisse un saggio su “L’angoscia e la politica” (1957),nel quale analizzava il costante ritorno, in caso di crisi economiche protratte nel tempo, di una angoscia esistenziale che minaccia l’identità di sé e dei gruppi sociali e porta, insieme, alla delegittimazione delle autorità e alla ricerca di nuovi leader in grado di sedare queste minacce, magari incolpando qualcuno come capro espiatorio.

+ leggi tutto