Giancarlo Tamanza: Trasformazione e crisi delle relazioni familiari

Relatore Giancarlo Tamanza

La comprensione delle trasformazioni che la famiglia sta affrontando richiede, in via preliminare, la messa a fuoco della sua identità. Che la famiglia sia un’organizzazione di relazioni, come il titolo suggerisce, non è scontato per molta parte della ricerca psicologica contemporanea. Non è però neppure sufficiente, in quanto occorre precisare la specificità di queste relazioni. La prospettiva clinico-relazionale, a differenza di molta parte della “psicologia scientifica” e del senso comune, non circoscrive tale specificità alle dimensioni dell’affettività e dell’espletamento delle funzioni primarie di accudimento, ma considera la famiglia come il dispositivo costitutivo dell’identità personale, nell’intreccio strutturale delle differenze proprie della realtà umana: la differenza di genere e di generazione. Alla nascita ciascuno riceve un patrimonio che include le sue potenzialità, ma anche il suo limite originario.

Per questo le trasformazioni che oggi investono la famiglia hanno una profonda incidenza. Esse sono di due ordini differenti. Da un lato la famiglia è continuamente impegnata in un processo trasformativo che, pur provocando cambiamenti e crisi, non mette in discussione l’identità del “famigliare”. Dall’altro, e questa è la novità radicale con la quale oggi ci confrontiamo, ci sono trasformazioni che vanno oltre il fisiologico processo trasformativo ed evolutivo portando alla mutazione dell’identità stessa della famiglia.

Le possibilità aperte dalle nuove tecnologie riproduttive (in particolare la fecondazione eterologa) determinano infatti un cambiamento di paradigma. Rendono cioè possibile un modo nuovo e strutturalmente differente di realizzare la funzione distintiva della famiglia, vale a dire la funzione generativa. Tali modalità di accesso alla genitorialità, infatti, eccedono la struttura e l’identità della famiglia così come fino ad oggi l’abbiamo conosciuta poiché vanno oltre l’intrinseca e necessaria connessione tra i due assi che strutturano l’organizzazione familiare (relazione di coppia e relazione generazionale). In perfetta sintonia con il “carattere narcisistico” che segna così pervasivamente la nostra cultura e società ciò amplifica, nella percezione e nel sentimento, l’inconsapevole e regressiva prevalenza del desiderio individualistico che porta a considerare come un diritto indiscutibile l’immediata soddisfazione di ogni desiderio. Si tratta, con tutta evidenza, di una posizione illusoria, che si sostiene proprio mettendo sullo sfondo, se non addirittura rimuovendo, la connessione originaria e costitutiva tra la soggettività e la relazione, soprattutto per gli aspetti di vincolo e di limite che essa comporta. È importante ritornare all’origine della filiazione per consolidare l’identità personale e affrontare eventuali disturbi nelle relazioni fondamentali.

Bibliografia:

  • Vittorio Cigoli, Giancarlo Tamanza, L’intervista clinica generazionale, Milano, Cortina, 2009.
  • Marialuisa Gennari, Giancarlo Tamanza, Il Disegno congiunto della famiglia. Uno strumento per l’analisi delle relazioni familiari, Milano, Franco Angeli 2012.
  • Giancarlo Tamanza, Interventi clinici con la coppia in separazione, Bologna, Il Mulino 2017.

Related Articles

COME CAMBIANO LE FRAGILI RELAZIONI FAMILIARI

COME CAMBIANO LE FRAGILI RELAZIONI FAMILIARI

Focus sulle relazioni, nella società oggi fortemente segnata dalla cultura narcisistica. Di «Individualismo e desiderio di legami» tratta il percorso che in undici incontri l’Accademia Cattolica di Brescia propone a tutte le persone interessate, con ingresso libero e gratuito e con l’attenzione via via rivolta a diversi aspetti del contesto sociale. Focus sulla famiglia, con il prossimo incontro. Su «Trasformazione e crisi delle relazioni familiari» interverrà, domani alle 17.45 nell’aula magna dell’Università Cattolica, il relatore Giancarlo Tamanza, professore associato al dipartimento di psicologia dello stesso ateneo.
Accademia Cattolica: Conferenza su trasformazione e crisi delle relazioni

Accademia Cattolica: Conferenza su trasformazione e crisi delle relazioni

Non solo «crisi». Anche inedite capacità di adattamento a sfide inedite, contesti nuovi, composizioni mutevoli. La famiglia come nucleo sociale capace di aderire a condizioni mai provate prima.

Se ne parlerà domani, mercoledì, 9 gennaio, alle ore 17,45 nell’Aula Magna dell’Università Cattolica, in via Trieste 17, in città. Lo psicoterapeuta e professore di Psicologia clinica, Prof. Giancarlo Tamanza, terrà infatti una Conferenza dal titolo: “Trasformazione e crisi delle relazioni familiari”.

L’argomento si inquadra nel programma che quest’anno l’Accademia Cattolica sta affrontando e che ha per tema: “Individualismo e desiderio di legami”.