Marcello Massimini - I Nuovi Scenari: intelligenza artificiale e coscienza

Relatore Marcello Massimini

Come stabilire la presenza della coscienza? Della nostra abbiamo percezione interna, ma per quella altrui ci rifacciamo al comportamento, che non è un criterio sicuro. Da un lato le macchine, come il supercomputer Watson, rispondono a tutte le domande immaginabili, ma non si può dire che siano coscienti. Dall’altro lato non è detto che un paziente in apparente stato vegetativo, pur non rispondendo agli stimoli, sia del tutto privo di coscienza.

Nel 2002 si è scoperto che esiste uno stato di coscienza minima e che il 40% dei pazienti in questo stato sono scambiati per pazienti in stato vegetativo. Essi fluttuano su diversi livelli coscienziali senza poter comunicare. Infatti per l’ostruzione dei canali dell’input e dell’output non possono né ricevere informazioni, né trasmetterle. Nella sindrome “locked in” è bloccato l’output motorio, ma la coscienza c’è. Viceversa certe lesioni disconnettono l’input sensoriale. Qualcosa di analogo è sperimentato da tutti noi quando nel sonno Rem siamo isolati dal mondo esterno, ma sogniamo e quindi abbiamo una forma di coscienza. Nel progetto “Human Brain Project”, di cui anche il relatore fa parte, ci si propone di raccogliere tutti i dati che conosciamo sul cervello. Nel nostro cervello ci sono 100 miliardi di neuroni, di cui 20 miliardi si trovano nel sistema talamo-corticale e 80 nel cervelletto. Condizione della coscienza è il sistema talamo-corticale, non il cervelletto. La teoria dell’IITC (Information Integration Theory of Consciousness), formulata da Giulio Tononi, si è concentrata sulle caratteristiche della coscienza partendo dall’esperienza che ne facciamo: essa è ricchissima di informazioni ed è perfettamente unitaria. La seconda caratteristica distingue la coscienza umana dalla macchina. Se si divide in due il cervello (Split Brain), anche la coscienza è divisa in due coscienze, due soggetti. Ciò dimostra che essa è essenzialmente unitaria ed è analoga a un’orchestra in cui la varietà dei suoni risponde a un'unica melodia. Si apre un campo infinito di indagine, mentre rimane vero quanto afferma Colin McGinn: “We will never know how the water of the physical brain is turned into the wine of consciousness”.

Bibliografia

  • Marcello Massimini e Giulio Tononi, Nulla di più grande dalla veglia al sonno, dal coma al sogno. Il segreto della coscienza e la sua misura, Milano, Baldini & Castoldi 2013.
  • Giulio Tononi, Galileo e il fotodiodo. Cervello, complessità e coscienza, Bari, Laterza 2003.
  • Giulio Tononi, Phi. Un viaggio dal cervello all’anima, tr.it. Silvio Ferraresi, Torino, Codice Edizioni 2014.

Related Articles

«BISOGNA APPREZZARE LE RADICI DELL’ESSERE PER POI DIFENDERLE»

«BISOGNA APPREZZARE LE RADICI DELL’ESSERE PER POI DIFENDERLE»

Museo diocesano gremito per l’appuntamento con Marcello Massimini, invitato dall’Accademia Cattolica

Intelligenza artificiale e coscienza: tema cruciale per il prossimo futuro che il professor Marcello Massimini, ricercatore nell’ambito di un importante progetto internazionale, affronta da neurofisiologo. Ha gremito la sala del Museo diocesano ieri per invito dell’Accademia Cattolica, l’incontro introdotto dalla presidente Francesca Bazoli e dal consigliere Alberto Albertini.